Rassegna Stampa

L'autostrada digitale è diventata realtà

13 AGO '18
Rassegna Stampa

Fonte: © IL GAZZETTINO (BELLUNO) del 11 agosto 2018

di Valerio Bertolio.

Un sogno che è diventato realtà: dopo alcuni anni in cui la rete è rimasta inattiva nel sottosuolo, ora la fibra ottica funzionerà per tutti.

Lamon, con la nuova velocissima autostrada digitale diventa quindi comune 2.0. L'amministrazione comunale del sindaco Ornella Noventa ha raggiunto l'obiettivo. A darne notizia Gino Pante, che è stato in consiglio comunale: era nei banchi dell'opposizione nell'amministrazione di Vania Malacarne e ha vissuto il progetto fin dall'inizio fino alla sua realizzazione. Sì perché Gino Pante è stato membro del Comitato Tecnico del Patto Dellai-Galan (l'intesa tra regione Veneto e Provincia autonoma di Trento che prevede il concorso in finanziamento per progetti transfrontalieri). «La Giunta Provinciale della Provincia Autonoma di Trento - si legge nel comunicato dell'amministrazione Noventa - con propria delibera numero 1041 del 2018 ha espressamente deliberato l'approvazione per la gestione della dorsale di distribuzione est dell'infrastruttura in fibra ottica della P.A.T. attraverso il collegamento con i comuni confinanti di Belluno e di Vicenza. 

Trentino Network srl si farà carico delle gestione e della manutenzione dell'infrastruttura». Per il sindaco Noventa si tratta di «uno straordinario risultato della sinergia Trento, Belluno, Bim Piave e Regione Veneto che ha portato all'odierno patto per l'attuazione dell' Accordo di Programma che definisce la proprietà, la gestione funzionale e la manutenzione dell'opera».

Da subito usufruiranno del nuovo servizio il Municipio, l'ospedale, la casa di riposo, l'ufficio postale e l'Istituto Comprensivo. In seguito, in tempi brevi, tutti potranno usufruire di questa nuova autostrada per il trasferimento dei dati digitali: artigiani, commercianti studi professionali, studenti, agricoltori, e tutti i residenti.

Lamon è al passo con i tempi per davvero». Con la fibra infatti è possibile trasmettere grandi quantità di dati in tempi ridotti, raggiungendo velocità potenzialmente elevatissime (fino a 1024 Mbps). Comprensibile l'entusiasmo per l'obiettivo raggiunto dopo anni di attesa quando in molti serpeggiava il più nero pessimismo.